Creare un marchio (brand) o sfruttare le parole chiave?

La prima scelta è decidere se utilizzare un nome che funga puramente da marchio, quindi senza alcun significato in sé oppure optare per un nome che contenga parole chiave legate al tuo business e/o alla tua persona, rendendo subito chiaro cosa vendi e/o chi sei.


Inventati una parola, o modificane una esistente.

Considera che alcuni dei siti e-commerce più famosi hanno nomi senza alcun significato, ma sicuramente memorabili, ad esempio Amazon e Yoox.


Prova varie combinazioni di parole brevi.

Evitando di mettere due parole simili una dopo l’altra.


Testa variazioni e combinazioni di termini.

Possono essere parole legate al mondo dell’e-commerce, delle vendite online o della moda.


Usa una parola che abbia un significato personale.

Potrebbe essere il tuo soprannome, il nomignolo di una persona a te cara o semplicemente il tuo nome. Usare un nome personale rende più semplice l’identificazione di un negozio e risulta da subito più familiare.


Testa variazioni e combinazioni di termini.

parole formate con una o più lettere iniziali di altre parole. Un esempio noto è quello di ASOS (As Seen On Screen = Come Appare Sullo Schermo) famoso negozio di abbigliamento online.


Breve e semplice è meglio.

Che tu scelga un nome con un significato o meno, esso dovrà essere breve, facile da pronunciare, da scrivere e facile da ricordare, favorendo il passaparola fra i tuoi contatti. Questo ti eviterà anche di dover dettare lettera per lettera il nome del sito ai tuoi clienti!


Ti sconsigliamo l'uso di punteggiatura,

di trattini alti (-), trattini bassi (_) e numeri. La punteggiatura rende difficile per i clienti ricordare il tuo dominio e può essere complicata da spiegare a voce (il numero “uno” lo devo scrivere in lettere?). Quando promuovi il sito non vuoi dover spiegare quale simbolo è un underscore, quale un trattino alto e dove trovarli sulla tastiera no?!


Pensa a chi è (o sarà) il tuo visitatore tipo.

I tuoi clienti sono in grado di capire il tuo nome? qual è o sarà l’età media? Il sesso? che lingua parlano? Se il tuo pubblico è prevalentemente italiano, ma vuoi comunque conferire un tono più internazionale al brand, il giusto compromesso potrebbe essere utilizzare parole chiave straniere entrate nel gergo comune, come ad esempio: "fashion", "shop", "outlet" o "store". In questo modo sarai “cool” ma riconoscibile allo stesso tempo.


Anche per il domino il look è importante.

Cerca di immaginare come apparirà il tuo dominio quando condividerai e promuoverai il sito su vari canali. Dalla condivisione di un post sulla tua pagina Facebook alla dettatura via telefono a quell’amico a cui la tecnologia proprio non va a genio.


A corto di idee?

Puoi provare ad aiutarti con questi tool:


Anche per il domino il look è importante.

Cerca di immaginare come apparirà il tuo dominio quando condividerai e promuoverai il sito su vari canali. Dalla condivisione di un post sulla tua pagina Facebook alla dettatura via telefono a quell’amico a cui la tecnologia proprio non va a genio.


Sii accattivante e memorabile!.